Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Monte Rosa -Piramide Vincent Cresta Sud Est visualizza

Pollino - Monte Manfriana
visualizza

Pollino -Coppola di Paola Timponi Viggianello e Capanna
visualizza

Pollino - Piccole Dolomiti di Frascineto
visualizza



CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

sabato 27 settembre 2014

Etna,crateri sommitali




















Finalmente l’Etna. Da quando telefonai alle guide qualche anno fa riesco ad organizzarmi e partire per scalare il gigante del sud. All’epoca infatti a causa di ripetute eruzioni i crateri sommitali erano interdetti agli escursionisti; si poteva arrivare soltanto all’altezza della Torre del Filosofo, un rifugio costruito nel 1960, sulla cima di una piccola collina ad una quota di 2940. Dopo aver più volte rischiato di essere distrutto da varie colate di lava nel corso della sua esistenza, l'eruzione di fianco del 2002-03 lo seppellì quasi del tutto; dopo l'evento rimasero solo l'antenna sulla cima del tetto, e una parte del tetto. Il 26 ottobre 2013, una colata lavica prodotta dal Nuovo Cratere di Sud-Est (NSEC) durante un parossismo ha completamente ricoperto quella zona, e quel che rimaneva del rifugio .



















Giungere ai 3350 m dei crateri sommitali è un’esperienza che ciascun appassionato di montagna dovrebbe fare perché si entra in una dimensione diversa dal solito,camminare in un deserto nero tra pietre laviche simili all’argilla espansa,in un paesaggio lunare,desolato,addentrarsi nella storia geologica del pianeta e avere la consapevolezza che alle immani forze della natura nessuno può opporsi.



Sentire Franco inoltre ,ottima guida del Parco che con grande passione ti spiega  questo mondo fantastico è un vero piacere. Ci parla e ci mostra alcune bombe laviche,frammenti di lava dotati di una specifica viscosità le quali vengono espulsi dal vulcano. Prima di raggiungere il suolo si raffreddano fino a solidificarsi assumendo forme strane,e allora abbiamo bombe a crosta di pane,a sterco di vacca,ad oliva e coniche.


 

































E poi risalendo il versante sud osservare le  impressionanti colate laviche,soprattutto quelle del 2001-2002 che si diressero verso il Rifugio Sapienza. La seconda, dopo aver lambito la stazione di partenza della Funivia, puntò diritta sul Sapienza. Il tempestivo intervento degli uomini e dei mezzi della Protezione Civile, insieme ai genieri dell’Esercito Italiano e ai volontari del C.A.I. riuscirono a controllare il corso della colata finché non giunse l’esaurimento dell’alimentazione a monte. Il Sapienza si salvò.





















Molto interessanti i crateri secondari che si aprirono nel 2002 a quota 2900 m. e disposti “a bottoniera”.In effetti ad ogni eruzione esplosiva si formano questi conetti a monte della colata lavica. Sono alti in media circa 200 metri, costituiti da materiale piroclastico ed incoerente (cenere, sabbia, lapilli, tufi) e spesso non si manifestano singolarmente ma tramite lo spettacolare "sistema a bottoniera", ovvero diversi conetti in successione allineati sull'asse eruttivo come se fossero, appunto, dei bottoni. Tale struttura è anche detta “frattura radiale”. Da questi crateri solitamente si generano le colate laviche più distruttive per i centri abitati.



































Ma l’emozione più grande si prova raggiungendo i quattro crateri sommitali percorrendone i bordi laterali,la “Bocca Nuova”,il “Cratere Centrale”,il “Sud-Est” e il “Nord-Est”.Lo spettacolo è assolutamente grandioso. Attraversando alcune zone di fumarole allo zolfo,dal tipico colore giallo canarino lo sguardo impatta verso il fondo dei crateri dove seguiti da boati simili a tuoni fuoriesce il gas dai buchi collegati alle camere magmatiche. E’ decisamente un ambiente infernale. Cerco di immaginare come possa diventare quel luogo durante una eruzione.
 























Ridiscendendo il fianco sud-ovest ci dirigiamo verso un altro luogo di grande suggestione,la Valle del Bove,un vero e proprio bacino dove confluiscono gran parte delle colate laviche che altrimenti potrebbero cancellare,e lo avrebbero già fatto, centri abitati come Zafferana Etnea. Larga 5 km e lunga 7 e con la sua estensione copre quasi per intero il versante orientale del vulcano; le sue pareti sono alte fino a 1000 metri. Caratteristiche che ne fanno un vero colosso della natura. Qualcuno ha detto che non si può dire di aver visitato veramente l'Etna se non si è osservata l'immensità della Valle del Bove. Condivido pienamente.

























Scendendo infine a piedi verso il Sapienza,sazi di emozioni  incontriamo un cratere di “collasso calderico” e successivamente gli estetici crateri “Silvestri”, impostati a 5 coni eruttivi. Situati a pochi passi dal Piazzale Rifugio Sapienza, a Nicolosi Nord a circa 1900 m s.l.m, prendono il nome dal Prof. Orazio Silvestri. Fra il Monte Silvestri superiore e quello inferiore, passa la strada che sia da Zafferana che da Nicolosi porta al piazzale del Rifugio Sapienza, meta di tutti i visitatori che si recano sul versante sud del vulcano dell'Etna.



















Splendida giornata infastidita soltanto dal forte vento di ponente che ha sferzato la zona per tutto il giorno. Credo di meritarmi una birra ghiacciata consumata in uno dei tanti bar situati al piazzale del Rifugio Sapienza per ripartire rapidamente  destinazione Milazzo,da dove il giorno successivo via aliscafo andrò a visitare il cratere dell’isola di Vulcano.


Nessun commento: