Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Sila - Torrente Lepre visualizza

Pollino - Gola del Barile (Raganello)
visualizza

Pollino - Monte La Caccia Direttissima
visualizza

Gran Sasso - Canale di Fonte Rionne all'Infornace
visualizza




CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

sabato 9 gennaio 2016

Dolomiti Lucane, ferrate Marcirosa e Salemm
















Venni a Pietrapertosa e Castelmezzano un anno e mezzo fa come turista e fui già colpito da questo “scherzo” della natura che sono le “Piccole Dolomiti Lucane”, formazioni bizzarre di arenaria che fuoriescono da gengive dal profilo collinare che circondano i due pittoreschi borghi arroccati a ridosso di questi “denti” modellati dagli agenti atmosferici. Vidi  molti visitatori cimentarsi nell’adrenalinico “Volo dell’angelo”, spettacolare “zip line” che unisce i due centri ad un’altezza da paura e ad una velocità da brivido.




Così sulla scia della collaudata  attrazione turistica, nel mese di Luglio 2015 furono realizzate dai comuni di Pietrapertosa e Castelmezzano due vie ferrate, due tragitti che partono dal ponte romano, sul Vallone Caperrino (un affluente del fiume Bradano), e salgono uno verso Castelmezzano,la “Salemm” ,lunga circa 1.731 m. ed un dislivello di circa 249 metri. L'altro ramo del percorso,”Marcirosa”  che porta a Pietrapertosa, ha una lunghezza di circa m. 1.778 ed un dislivello di circa 331 metri e incrocia la partenza del Volo dell'Angelo.














Per l’occasione mi sento con Carlo da Roma che non vedevo da cinque anni e mezzo quando salimmo sul Corno Piccolo lungo la “Via del Canalone” nel Maggio 2010. Riusciamo ad accordarci per via delle festività in quanto viene a trovare alcuni familiari in un paese poco distante da Castelmezzano. Con me c’è anche Pasquale, molto entusiasta di percorrere queste nuovissime vie ferrate. Ci diamo in tal modo appuntamento all’uscita “Campomaggiore,Pietrapertosa” sulla Basentana alle 7.30.













Vorremmo percorrere entrambe le ferrate e la soluzione più pratica ci sembra quella di lasciare l’auto a Castelmezzano, scendere  per il sentiero delle “Sette Pietre” e attaccare all’”Antro delle Streghe”, presso il ponte romano la ferrata Marcirosa, quella che va a Pietrapertosa. Successivamente tornare al punto di partenza un po’ per sentieri, un po’ ripercorrendo a ritroso alcuni tratti di ferrata per fare la Salemm fino a Castelmezzano riguadagnando infine le auto.

















Mentre risali in auto i tornanti che portano a Castelmezzano il paesaggio è sublime, si innalzano infatti le guglie rocciose che emergono dalle nebbie mattutine dando la sensazione di trovarti in Trentino o in Veneto. A quell’ora e col freddo secco che fa, il paesino è ancora deserto. Anche il “Volo dell’Angelo” è chiuso in quanto è operativo da Maggio a Novembre. A questo proposito Carlo mi narra che quando quest’attrazione ancora non esisteva, i due piccoli borghi erano quasi completamente sconosciuti. E’ bastato tirare due cavi d’acciaio da una parte all’altra per farci “volare” la gente a cambiarne completamente il volto e la storia. Ora, durante la bella stagione non hai nemmeno dove parcheggiare l’auto.
















L’attacco della Marcirosa inizia con la salita lungo una estetica placca dritta e dopo non molto si incontra il primo ponte tibetano dalla luce di 10 metri circa. Dopo vari aggiramenti delle varie bastionate rocciose dalle forme più bizzarre (l’aquila reale,l’incudine,la grande madre,la civetta ecc.)si attraversa il secondo ponte tibetano di sette metri, a dire il vero messo li un po forzatamente, più per il gusto del divertimento ma evitabilissimo. Va detto però che si tratta degli unici ponti tibetani di tutto il Centro-Sud. La ferrata termina con il sentiero di allontanamento che giunge alla stazione di partenza del volo dell’angelo di Pietrapertosa.














Dopo circa tre ore e mezza tra andata e ritorno ci apprestiamo a percorrere l’altro ramo, la Salemm che va verso Castelmezzano. Intanto nel tragitto di ritorno della Marcirosa abbiamo incontrato varie cordate di scalatori e tra di essi anche ragazzini pronti a cimentarsi nell’ascensione. Nel frattempo abbiamo notato che è in fase di realizzazione un ulteriore ponte tibetano, molto più lungo dei precedenti che collegherà le pareti dei due versanti del torrente Capperrino e andrà a coincidere con il nuovo attacco della Salemm.













Al  momento, per raggiungere la ferrata bisogna operare un aggiramento portandosi sull’altro versante del torrente. A guardia di essa uno strano roccione dalle sembianze umane, sembra il faccione di un omone grasso in cui spiccano gli occhi, il naso e labbra sporgenti. Si risale una cengia inclinata e subito dopo si aggira una placca che dà sulla strada asfaltata sottostante dove passa anche la galleria scavata nella roccia.
















Segue un segmento davvero facile tra canali e camminamenti banali dove si passeggia soltanto, ma ugualmente assistito da inutilissimi cavi metallici, fino al Belvedere Castello transitando per la chiesetta del Santo Sepolcro” Madonna dell’Ascensione”. Da questo punto parte invece il tratto più interessante ed esposto di entrambe le ferrate, passaggi in forte esposizione lungo pareti a strapiombo. E’ davvero strana questa differenza fra la prima e la seconda parte della Salemm, come se fossero state concepite e realizzate da due persone diverse. Infine dopo il traverso lungo una estetica placconata si rientra in paese.














E’ doveroso adesso dare un giudizio tecnico sulle due ferrate. Nota di grande merito è averle già realizzate qui nel Meridione, così che si vanno ad aggiungere alle uniche presenti fino ad ora, ovvero la Ferrata del Caldanello e la Cengia del Raganello nel Pollino e il sentiero attrezzato “Francesco Raso” del Monte Acellica (monti Picentini),portando dunque il totale a cinque. Per ritrovare la prossima bisogna andare sul Gran Sasso.













La seconda nota di merito è l’ambiente in cui sono state collocate , un paesaggio da favola, lungo le dorsali rocciose di Castelmezzano e di Pietrapertosa, due tra i borghi più belli d'Italia  consentendo di raggiungere, così, anche i punti più nascosti, e l’aver inserito poi in questo contesto due ponti tibetani per passare da una parete ad un'altra nel vuoto a regalare visioni indimenticabili sul paesaggio; si resta così incantati dalla "Grande Seduzione delle Dolomiti Lucane". Ultima nota di merito è che sono praticamente adatte a tutti, a patto che non si soffra di vertigini e che si sia in buone condizioni fisiche, eccetto forse l’ultimo tratto più esposto e verticale della Salemm.




































Mi sento obbligato ad annotare anche qualche aspetto negativo. Abbiamo realizzato che  alcuni passaggi seguono un itinerario non logico cercando di collegare solo  le varie paretine. Sia la Marcirosa che la Salemm potevano avere un epilogo più soddisfacente, terminando alla grande sulle punte più alte delle guglie rocciose che dominano i due borghi concludendo più degnamente la loro corsa. Invece la Marcirosa si interrompe dopo un inutile saliscendi soltanto ad intersecare il sentiero di allontanamento. Per quanto riguarda la Salemm, il tragitto relativo alla prima parte, a nostro avviso non è stato sfruttato bene. Molti passaggi invece di impegnare le crestine aeree dei roccioni si vanno ad incassare in inutili canali rendendo la progressione molto banale.




































Un altro aspetto negativo visto che per realizzare quest’opera si sono spesi bel 440 mila euro è la massiccia ed eccessiva presenza di scale metalliche e metri su metri di cavo metallico inutili su passaggi elementari, rendendo le vie molto più facilitate di quello che potrebbero in effetti essere. Questo forse per dare un impronta più turistica all’opera in modo da accrescerne la fruizione anche da parte dei meno esperti, ma io personalmente a questo punto avrei optato per una ferrata medio-facile e per un’altra difficile, accontentando così tutti.















Comunque, a parte queste considerazioni tecniche, ambientali e paesaggistiche, ci siamo divertiti molto. Auspico di ritornarci quando terminerà il nuovo ponte tibetano e magari, fare anche un bel volo…”dell’angelo”.



2 commenti:

bupa77 ha detto...

comunque ci siamo diverti!alla prossima ci dobbiamo fare anche il volo....ciao e a presto,un caro saluto a Carlo che gentilmente mi ha prestato il kit da ferrata,ciao Carlo e alla prossima!

Pollinofantastico ha detto...

Un bel voletto,ci vuole senz'altro.Ciao ciao