Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino - La via dei lupi var. B visualizza

Pollino - Monte Alpi Surprise
visualizza

Pollino - Monte Alpi Coitus Interruptus
visualizza

Sirino - Via del Canalone,A ciascuno il suo,I tre dello Scazzariddo
visualizza



CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

sabato 18 ottobre 2014

Isola di Vulcano (Eolie) :Gran Cratere della Fossa


















Dopo l’impegnativa  ed appagante salita ai crateri sommitali dell’ Etna i miei passi mi conducono ad esplorare uno dei suoi fratelli minori : il cratere dell’isola di Vulcano nell’arcipelago delle Isole Eolie. Ad essere sincero l’obiettivo iniziale era Stromboli, il vulcano più attivo d’Europa , facente parte dello stesso arcipelago ma al momento, visto la sua concitata attività, non è possibile salire alle bocche culminanti; bisognerà attendere che ritorni alla normale attività detta “stromboliana”. Quanto ci vorrà? Nessuno può dirlo, settimane, mesi o forse anni.
 



































Torniamo a Vulcano. Il Gran Cratere sorge a 386 m di altitudine ed ha un diametro di circa 500 metri, esteticamente molto bello e perfettamente circolare.Il miglior punto di osservazione è lungo il bordo meridionale dal quale è possibile abbracciare con un unico colpo d’occhio tutte le isole dell’arcipelago,da sinistra verso destra Filicudi, Alicudi e Salina; al centro,proprio davanti Lipari,poi guardando verso nord- est Panarea e la più distante Stromboli.
 

















A causa dell’afa purtroppo queste ultime due non sono visibili. Il caldo insopportabile del periodo suggerisce appunto di compiere l’escursione nelle prime ore del mattino evitando quelle centrali. L’escursione in se non è particolarmente difficoltosa,caldo escluso,non richiede ne un enorme sforzo ne l’accompagnamento di una guida.Il  tracciato è semplice da seguire e ben segnalato.


















Sceso al porticciolo di Levante dall’aliscafo mi avvio lungo il rettilineo della strada provinciale per l’attacco al comodo sentiero. C’è una marea di turisti che armati alla meno peggio col caldo che fa ,chi con teli mari addosso,chi in costume da bagno,chi senza una goccia d’acqua dietro,si arrabatta lungo il percorso come una immensa armata Brancaleone.Comunque il disagio del gran caldo è ampiamente compensato dallo spettacolo offerto e dal paesaggio sublime su tutto l’arcipelago.
 

















Dopo un’oretta scarsa di marcia giungo al bordo settentrionale del cratere dove da un belvedere naturale si gode una vista mozzafiato sul villaggio di Vulcano e Vulcanello. A questo punto è d’obbligo compiere il periplo del Cratere,c’è da scegliere solo il senso di marcia.Opto per il giro antiorario fino al punto più alto dove riesco a trovare l’unico punto ombreggiato offerto da un sassone posto verticalmente per una meritata pausa.

















Rivolgo l’attenzione alle curiose “Fumarole”, esalazioni vulcaniche che consistono nella produzione di vapore e gas vulcanici. Nel caso di Vulcano, si tratta soprattutto dello zolfo che grazie all'azione dei batteri contribuisce alla formazione di una patina colorata sulle superfici del terreno e dei sassi. Ambiente spettacolare e surreale .E’ sconsigliato avvicinarsi per via del vapore di zolfo che potrebbe causare fenomeni di sensibilizzazione.Ma come diceva Franco il giorno prima sull’Etna,respirarne un po’ fa bene alla sinusite.Il bello sta nell’attraversare l’area cercando di evitare le folate di gas mettendosi sopravento.


















Dopo l’attraversamento delle fumarole rientro al punto di partenza apprestandomi a ritornare al porto. Dopo il caldo torrido e tanti sudori è assolutamente obbligatorio un bel triplo bagno in spiaggia e prima di riprendere l’aliscafo tuffarsi nelle irrinunciabili granite del posto con dolce siciliano incorporato a base di ricotta e pistacchio,un vero paradiso.



















Aspetterò lo Stromboli in una scalata notturna,classica da queste parti.Speriamo non si faccia attendere a lungo.


Nessun commento: